23_ME 14 Website.jpg
JD©RainerSuck.jpg
rafael-rosenfeld.jpg
bronzi.jpg__960x480_q85_crop_subject_location-298,127_subsampling-2_upscale.jpg
193555hyperion1b.jpg
IMG_9152.JPG
Irene%20Abrigo_Photo%20Credits%20Sophie%

Irene Abrigo

Direzione Artistica & Violino

 

Vincitrice del Premio Respighi 2015, finalista al Concorso biennale “Città di Vittorio Veneto” 2014 e vincitrice di numerosi premi internazionali, Irene Abrigo ha debuttato da solista alla Carnegie Hall a febbraio 2016, con l’esecuzione in prima assoluta a New York del concerto per violino di Dirk Brossé, accompagnata da Salvatore di Vittorio e la Chamber Orchestra of New York. Le sue Quattro Stagioni di Vivaldi hanno suscitato una standing ovation alla Carnegie Hall a novembre 2019. Irene ha cominciato a suonare il violino all'età di quattro anni alla scuola Suzuki di Aosta. Dopo il suo diploma di violino a Torino, Irene ha continuato i suoi studi universitari all'esterno, alla HEM di Ginevra con Marie-Annick Nicolas, alla HEMU di Losanna e al Mozarteum di Salisburgo con Pierre Amoyal, e alla HKB di Berna con Corina Belcea. Profondamente convinta della responsabilità sociale dell’arte, Irene ha fondato in Svizzera nel 2015 l’Associazione POURQUOIPAS, di cui è direttrice artistica, collaborando con organizzazioni svizzere ed internazionali come l'UNHCR e il CIO. Nel 2021 fonda e dirige il festival di musica a Lucignano, un borgo medievale nella provincia di Arezzo, dove durante l'infanzia ha passato molte delle sue estati con la sua famiglia. Diplomata al liceo classico di Aosta, ha conseguito una laurea triennale al DAMS di Torino con una tesi su Niccolò Paganini. Suona un violino Giovanni Battista Guadagnini (Milano 1760) generosamente messo a sua disposizione da un collezionista privato.

www.ireneabrigo.com

23_ME 14 Website.jpg

Mary Ellen Woodside

Violino

 

Per molti anni leader dei secondi della Tonhalle Orchestra di Zurigo, attualmente primo violino del MerelQuartet e membro della Capella Andrea Barca di András Schiff, Mary Ellen Woodside è un'appassionata di musica da camera. Si è esibita nei festival come il Salzburger Festspiele, Menuhin Festival Gstaad, Lucerne Festival, Ittingen Whitsun Concerts, Young Artists in Concert a Davos, Kunstfest Weimar, Omaggio a Palladio a Vicenza e International Musicians Seminar Musica da camera aperta, Prussia Cove con artisti quali Joshua Bell, Tabea Zimmermann, Heinz Holliger, Thomas Demenga, Julian Bliss, Nobuko Imai, Hariolf Schlichtig, Christoph Richter e Dénes Várjon. Mary Ellen ha studiato alla Eastman School of Music con Charles Castleman, si è laureata con il massimo dei voti e ha ricevuto l'ambito Performer's Certificate. Ha vinto numerosi premi prima di venire in Europa per continuare i suoi studi alla Guildhall School di Londra con Yfrah Neaman. È stata selezionata come solista per «Live Music Now» di Yehudi Menuhins e ha vinto il secondo premio al Bryan Young Artists Competition ed è stata finalista al Washington International Competition e al Kulenkampff Competition di Colonia, in Germania. Il punto focale dei suoi studi sono stati i corsi di musica da camera con mentori tra cui Sándor Végh, András Schiff, György Kurtág, Robert Levin, Alfred Brendel e Ferenc Rados.

www.merelquartet.com/maryellen

JD©RainerSuck.jpg

Jürg Dähler

Viola

 

Jürg Dähler, nato a Zurigo, ha al suo attivo un’attività internazionale quale violinista, violista, pedagogo e camerista. Ha studiato con S. Vegh, Ch. Schiller, P. Zuckerman, K. Kashkashian e F. Drushinin. È stato artisticamente influenzato dai suoi incontri con B. Langbein, H. Holliger N. Harnoncourt e G. Ligeti. Si è esibito a Vienna, Salisburgo, Parigi, Madrid, Londra, Sydney e Lucerna. Fra il 1985 ed il 2000 è stato il primo violino del leggendario ensemble dei Kammermusiker Zürich. È stato membro fondatore nel 1993 del Collegium Novum di Zurigo e nel 1999 cofonda e codirige gli Swiss Chamber Concerts. Dal 1993 è prima viola solista del Musikkollegium di Winterthur e membro del quartetto di Winterthur. Dopo aver fondato e diretto il festival grigionese Kultur Herbst Bündner Herrschaft dal 1995 al 2002, crea nel 2015 lo Pfingstfestival nel Castello di Brunegg, che continua a dirigere. Nel 2007 ottiene il titolo accademico EMAA : Executive Master in Arts Administration University Zurich. Ha partecipato alle prime esecuzioni di centinaia di composizioni come solista o camerista, di compositori quali Holliger, Henze, Ligeti, Pärt, Cerha, Druschinin, Polglase, Haller, Bodman-Rae, Käser, Kelterborn, Lehmann, Gaudibert, Brinken e Schnyder. Dal 2000 ha un'attività di vendita e acquisto di strumenti di grande prestigio dal nome TonArt Jürg Dähler. Suona un violino di Antonio Stradivari (Cremona 1714) ed una viola di Raffaele Fiorini (Bologna 1893).

www.swisschamberconcerts.ch/it/soloists/juerg-daehler/

www.festivalbrunegg.ch

www.tonartjd.com

bronzi.jpg__960x480_q85_crop_subject_loc

Enrico Bronzi

Violoncello

 

Tutte le più importanti sale da concerto d’Europa, USA, Sud America e Australia (Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Filarmonica di Berlino, Konzerthaus di Vienna, Mozarteum di Salisburgo, Filarmonica di Colonia, Herkulessaal di Monaco, Filarmonica di San Pietroburgo, Wigmore Hall e Queen Elizabeth Hall di Londra, Teatro Colon di Buenos Aires) hanno ospitato un concerto di Enrico Bronzi. La sua ricca esperienza da solista l’ha portato a imporsi in importanti concorsi internazionali e collaborare con grandi artisti come Martha Argerich, Alexander Lonquich, Gidon Kremer, e complessi quali il Quartetto Hagen, la Kremerata Baltica, Camerata Salzburg e Tapiola Sinfonietta.

L’attività da solista di Enrico Bronzi si affianca a quella, altrettanto intensa con il Trio di Parma (link alla pagina interna dedicata al Trio), ensemble che ha fondato nel 1990 e si completa e arricchisce con la didattica. Dal 2007, infatti, è professore all’Universität Mozarteum Salzburg.

La sua vocazione come divulgatore culturale e musicale lo ha portato a dirigere diversi Festival ed attualmente è direttore artistico del Festival Perugia Classica.

Enrico Bronzi suona un violoncello Vincenzo Panormo del 1775.

www.enricobronzi.com

rafael-rosenfeld.jpg

Rafael Rosenfeld

Violoncello

 

Rafael Rosenfeld ha studiato con Walter Grimmer al College di Zurigo con David Geringas a Lubecca. Incontri con artisti come Sándor Végh, György Kurtág, Ferenc Rados, András Schiff, Radu Lupu, Steven Isserlis e Bernard Greenhouse hanno influenzato ulteriormente il suo sviluppo musicale. Nel dicembre 2000 ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale di Musica di Ginevra. Rafael è il violoncellista solista della Tonhalle Orchestra di Zurigo su base part-time e divide il suo tempo tra compiti solistici, di musica da camera, orchestrali e di insegnamento. Come membro del Merel Quartet, Rafael Rosenfeld si esibisce regolarmente in importanti sale da concerto come Wigmore Hall London, Concertgebouw Amsterdam e Tonhalle Zurich; è anche ospite del Quartetto in molti festival, tra cui i concerti di Ittingen Whitsun, il Festival di Lucerna, il Salzburger Festspiele, il Menuhin Festival Gstaad, il Kunstfest Weimar e il Musikfestwoche Meiringen. È stato partner per la musica da camera di András Schiff, Heinz Holliger, Joshua Bell, Alexander Lonquich, Nobuko Imai, Tabea Zimmermann, Dénes Várjon e Daniel Phillips, tra gli altri. È anche membro della Lucernefestival Orchestra con Claudio Abbado e della Cappella Andrea Barca con András Schiff.

Dal 2005 è Professore di Violoncello presso la Hochschule für Musik di Basilea.

www.merelquartet.com/rafael

193555hyperion1b.jpg

Hyperion Ensemble

Gruppo di tango

 

Gino Zambelli, bandoneon

Roberto Piga, violino

Davide D'Ambrosio, chitarra

Bruno Fiorentini, Flauto

Guido Bottaro, Pianoforte

Danilo Grandi, contrabbasso

 

L'Hyperion Ensemble, formatosi nel 1992 come ensemble interessato alla musica contemporanea, si dedica sin dall'inizio al repertorio piazzolliano ed al Tango in generale, partecipando nei suoi lunghi anni di attività ad oltre 1000 spettacoli in Festival e Teatri di tutta Europa, con un ampio repertorio che va dal Tango contemporaneo al Tango tradizionale. L'Ensemble dalla sua fondazione ad oggi ha collaborato e collabora con vari bandoneonisti di celebrità internazionale come Luis Stazo, Juan Jose Mosalini, Daniel Binelli, Alfredo Marcucci ed altri notabili musicisti come Luis Bacalov, Antonella Ruggiero; i bandoneonisti stabili dell’Ensemble sono attualmente l’urugayo Josè Luis Betancor, Nicolas Maceratesi e Gino Zambelli. I cantanti dell’Ensemble sono attualmente Martin Troncozo, ed Hernan Godoy, tutti argentini. L’Ensemble è invitato dai principali Festival di tango in tutta Europa: Paris, London, Istanbul, Brussels, Tarbes, Berlin, Barcelona (Sitges), St Petersburg, Torino, Roma, Firenze, Genova, Oslo, Krakow, Zurich, Antwerp etc. Ha collaborato spesso con i migliori ballerini sulla scena mondiale del Tango (Miguel Angel e Osvaldo Zotto, Frumboli/Sepulveda, Arce/Montes, etc.) ed ha accompagnato musicalmente numerosi Shows con varie compagnie argentine; tra queste citiamo: lo show “Tangovivo” con la compagnia Union Tanguera di Esteban Moreno e Claudia Codega, “Tango Metropolis” con Claudio Hoffmann e Daniel Binelli, “Tango x 2” con Miguel Angel Zotto, “TangObsesion” con la Compañia Leonardo Cuello, “Conceptango” con la compagnia di Leo Calvelli e Eugenia, “Tango Nuevo” con la compagnia di Roberto Herrera, ed altri: nel 2015 e nel 2017 ha partecipato alla tournèe tedesca con la Compagnia di Gustavo Russo nello show Tango Revolution.

www.ensemblehyperion.it

IMG_9152.JPG

Mauro Zompa y Valentina Orrù

Ballerini di tango


Mauro Zompa inizia a studiare danza da bambino con i suoi genitori insegnanti di ballo , prosegue il suo percorso approfondendo gli studi dei balli di coppia e della danza moderna fino al 1986 quando Il coreografo Franco Miseria lo seleziona per far parte del corpo di ballo della Rai in varie trasmissioni dell'epoca . da sempre lavora come maestro di ballo in Italia e all'estero avendo ottenuto l'abilitazione all'insegnamento nelle discipline ; standard, latine , jazz, e tango argentino presso l'associazione Nazionale Maestri di Ballo. sempre nell'anmb ha fatto parte di varie commissioni tecniche ed esaminatrici per la formazione dei maestri. Nel 1997 diventa giudice internazionale partecipando come giurato a moltissime competizioni nello stesso anno inizia ad approfondire lo studio del tango argentino frequentando seminari e stage con i migliori artisti di Buenos Aires. Nel 2006 con la sua compagna Sara Masi vince le selezioni nazionali di tango argentino rappresentando l'italia ai mondiali di Buenos Aires dove risultano tuttora i migliori ballerini italiani ed europei mai classificati in tutte le edizioni con cinque finali all'attivo e due quarti posti assoluti nel 2009 e nel 2011. Nel 2010 ha pubblicato il libro Tango che viene tuttora usato da diverse associazioni di categoria come testo di studio. Attualmente sono direttori artistici di Accademia Internazionale di Tango Argentino (AITA) dove si occupano della formazione dei maestri e del rilascio dei diplomi riconosciuti dal CONI.